San Nicola. La fede e l’arte 3 giorni/2 notti

Itinerario con visita al Santuario della Santa Casa di Loreto ed al Museo Pinacoteca (che conserva opere di Lorenzo Lotto);

al Santuario di San Nicola (Basilica e ciclo di affreschi); alla città di Tolentino; all’Abbazia di Chiaravalle di Fiastra; alla cittadina di Amandola ed al Santuario della Madonna dell’Ambro, all’interno del Parco dei Monti Sibillini

I GIORNO

MATTINO visita alla città di Loreto e al Santuario della Santa Casa, conosciuta a livello internazionale perché racchiude al suo interno la Santa Casa della Vergine Maria, secondo la tradizione trasportata dalla Palestina nel 1294.La Basilica venne costruita dal 1469 con l’intervento di noti architetti, tra cui Giuliano da Maiano e Bramante, mentre la decorazione delle cappelle laterali e della sacrestia è opera di vari pittori, tra i quali Luca Signorelli e Pomarancio. Visita alla Santa Casa, piccola dimora in pietra racchiusa da un rivestimento marmoreo progettato dal Bramante con scene della vita della Madonna; all’interno si trova la statua in legno di cedro nero della Madonna col Bambino
PRANZO menu tipico in ristorante
POMERIGGIO visita al Museo Pinacoteca di Loreto che conserva otto splendide opere di Lorenzo Lotto, datate tra 1549 e 1556, e i bellissimi arazzi tessuti a Bruxelles su disegno di Raffaello

II GIORNO

MATTINO visita del Santuario di San Nicola da Tolentino (Basilica, Cappellone, Chiostro, Museo della Basilica, Diorama sulla vita del Santo, Mostra dei Presepi) PRANZO menu tipico in ristorante
POMERIGGIO visita di Tolentino (Piazza della Libertà, Palazzo municipale, Torre degli Orologi, Palazzo Sangallo e Museo della Caricatura e dell’Umorismo nell’arte,Duomo, Teatro) e del Castello della Rancia (sede del Museo Civico Archeologico)

III GIORNO

MATTINO visita dell’Abbadia di Santa Maria di Chiaravalle di Fiastra (XII secolo),a pochi chilometri da Tolentino (Chiesa, Chiostro, Sala del Capitolo, Refettorio dei Conversi, Grotte, Sala delle Oliere)
PRANZO menu tipico in ristorante o agriturismo
POMERIGGIO visita della cittadina di Amandola situata a 550 m. s.l.m. inserita nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini. Dalla Piazza Centrale una scalinata scende alla chiesa di Sant’Agostino, risalente al XIV secolo, ampliata nel 1759 e rimaneggiata nei primi anni del ‘900; all’interno, quattro polittici del XV secolo (uno di Carlo e Vittore Crivelli, uno del solo Vittore e due di Girolamo di Giovanni). Nella Chiesa è conservato il corpo dell’agostiniano Beato Antonio Migliorati (1355-1450), nato ad Amandola e vissuto per cinquant’anni nel Convento di Sant’Agostino. Per 12 anni svolse l’uffico di sacrista accorto e premuroso a Tolentino nel Santuario, a lui caro, di San Nicola e ne divenne un fervoroso emulo. La vita del Beato è stata dedita ai poveri e agli infermi, a conciliare le discordie tra le famiglie. Il Beato fu inoltre un potente protettore contro la peste e i terremoti. Quest’anno, in occasione del 650° anniversario dalla nascita, la cittadina ricorderà il Beato con numerose manifestazioni. Si prosegue con la visita del Santuario della Madonna dell’Ambro, voluto in seguito ad una miracolosa apparizione della Vergine e meta di pellegrinaggi, secondo Tempio Mariano nelle Marche dopo Loreto per flusso di fedeli

Si può aggiungere su richiesta prenotazione di pasti presso ristoranti o agriturismi caratteristici tour e visite guidate ingressi a musei e mostre, noleggio auto e trasferimenti- Quotazioni per gruppi su richiesta

Richiedi tutti i dettagli

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Comments are closed.


MoviWorld


Musei e cultura


Siti amici

















 
-->